Come l’omnicanalità migliora le performance in studio e in azienda

Può essere definita come la capacità di offrire un’esperienza coerente e integrata attraverso diversi canali di comunicazione e di operatività, ed è un vero e proprio asso nella manica di ogni tipo di attività produttiva, che si tratti di uno studio professionale o di un’azienda. Stiamo parlando dell’omnicanalità.

Questo tipo di approccio alla condivisione delle informazioni e alla gestione dei lavori è sempre più essenziale sia per organizzare al meglio la propria quotidianità che per rispondere alle esigenze dei propri clienti, che richiedono dai loro fornitori una maggiore attenzione all’esperienza che offrono con ogni tipo di prodotto o servizio. Le prestazioni legate al payroll e alle attività di HR non fanno affatto eccezione, anzi.

Eppure sono ancora poche le realtà produttive italiane che hanno compreso e applicato l’importanza dell’approccio omnicanale. Secondo l’Osservatorio Omnichannel Customer Experience promosso dal Politecnico di Milano, solo l’8% delle imprese del nostro Paese può essere ritenuto “avanzato” in termini di adozione dell’omnicanalità nel proprio lavoro. Si tratta di imprese che si sono dotate di strumenti tecnologici avanzati e che hanno dei solidi sistemi di raccolta e gestione dei dati: due caratteristiche essenziali anche per lo sviluppo degli studi professionali e per una gestione semplice e fluida dei compiti HR in azienda.

Il tuo studio o la tua azienda ha compreso l’importanza di adottare un approccio omnicanale per lo scambio e la gestione delle comunicazioni e dell’operatività relativa al payroll?

Se la risposta è no, sappi che state perdendo delle opportunità di sviluppo importanti, perché l’omnicanalità può rivoluzionare in meglio le performance in studio e in azienda. Ecco come.

Multicanalità vs Omnicanalità

La comunicazione interna multicanale è una realtà ormai per molti studi e aziende. Ma non basta per garantire che l’operatività e i compiti amministrativi vengano gestiti al meglio.

In un approccio multicanale, ci si limita infatti a sviluppare più punti di contatto tra i diversi interlocutori interni ed esterni, senza che questi vengano gestiti in modo integrato. Questo comporta il fatto che le informazioni siano fruite da diversi canali ma che non ci sia una coesione tra questi canali.

Un esempio semplice: nell’approccio multicanale, un collaboratore di studio professionale può iniziare a compilare un file sul suo computer, ma quando un collega lavorando su un tablet cerca di accedere a quel file non ritrova le stesse funzionalità utilizzate dal primo collaboratore. O, ancora peggio, le modifiche che vengono fatte su un device non si ritrovano in tempo reale quando si apre il file da un altro device.

È facile comprendere come non basti più, oggi, garantire diversi canali d’accesso alle informazioni, e come sia invece imprescindibile assicurare che questi canali “parlino” tra loro, in modo che nessuna informazione vada persa.

Quando si opera con un approccio omnicanale, i dati immessi nei diversi touchpoint vengono integrati e gestiti in modo sinergico. La continuità dell’esperienza di fruizione dei dati è assicurata, con diversi vantaggi per l’operatività dello studio professionale o dell’azienda.

I vantaggi dell’omnicanalità per le performance dello studio e dell’azienda

Mettere in sinergia le informazioni, quando si tratta di gestire tutto il processo del payroll o diverse attività amministrative legate alle risorse umane, ha dei vantaggi concreti e diretti:

  • meno errori nella gestione delle richieste del team, perché nessuna informazione va persa;
  • una maggiore facilità di fruizione dei diversi servizi: per esempio, se il sistema di rilevazione presenze ha un’app dedicata è più semplice per il personale timbrare anche se è in smartworking o in trasferta, e i dati raccolti tramite l’app vengono integrati in tempo reale ai sistemi centrali dello studio professionale o dell’ufficio HR;
  • la possibilità di disporre di dati sempre aggiornati riguardo a presenze, ferie, permessi, che rendono più semplice l’organizzazione del lavoro;
  • flessibilità e agilità di risposta ad ogni cambiamento e ad ogni novità normativa, perché le informazioni sono in sinergia e non si rischia di dimenticare di apportare delle modifiche importanti;
  • massima velocità nell’esecuzione dei compiti di rendicontazione, con un risparmio di tempo che può essere impiegato per attività a più alto valore aggiunto;
  • la possibilità di creare dei prospetti e delle analisi completi e dettagliati in qualsiasi momento, in modo da facilitare la programmazione e lo sviluppo delle proprie attività.

L’approccio omnicanale mette al centro l’individuo, perché è mirato a rendere più fluida la fruizione di ogni sistema e di ogni dato. È un approccio che nasce dall’idea che siano i sistemi a dover rispondere alle esigenze delle persone, e non le persone a doversi adattare a “pensare come le macchine”.

Questa è da sempre la filosofia di Studio Centro. Le nostre soluzioni sono pensate n ottica omnicanale proprio per facilitare al massimo il lavoro degli studi e delle aziende, rendendo il giro paghe più semplice e mettendoli al riparo dal rischio di errori o dimenticanze.

La piattaforma scudONline e i suoi moduli sono tutti integrati per una condivisione efficiente delle informazioni, e sono potenziati da strumenti come l’app MyJob o il sistema di rilevazione presenze Rilevo, user-friendly e fruibili da diversi device per mantenere integrata la comunicazione tra tutti gli attori coinvolti nel giro paghe.

Ogni nostra soluzione nasce dall’ascolto attento delle esigenze dei nostri partner, a cui rispondiamo con software e applicazioni altamente performanti.

Vorresti sapere come possiamo farti lavorare meglio grazie alle nostre soluzioni?

Contattaci senza impegno!